Troppo vicini alla verità

Troppo vicini

troppo vicini alla verità

troppo vicini per essere noi stessi

tanto vicini che chiudersi, nascondersi

sembra la scelta migliore.


L'unica scelta.


Stare fermi a sentire e capire invece

sembra che smonti

la propria percezione di se stessi.


L'immensità che ci contiene, che ci circonda

che riempe lo spazio mentale

lo spazio percorso dalla energia mentale

ci fa tanta paura.

La mente preferisce di chiudersi,

L'anima lo stesso.

Così che stare dentro al dolore, alla paura, alla felicità virtuale

alla vita immaginata poichè non vissuta

dentro alle finzioni, ossessioni, desideri, impulsi, regole e parole familiare

abbitudini che creano la comodità umana

sembrano di essere il modo giusto

l'unico modo per diventare parte da qualcosa.


I tuoi profili, i tuoi ruoli, le tue cose, i posti dove vai

quelli che non hai mai visto

le persone che eviti, le persone tanto diverse da te che ti viene la rabbia

perchè non capisci un cazzo da quello che dicono

sono spazi sicuri dove la verità della esistenza stessa non c'è.


Luoghi mentali abbastanza carini, belli, buono e caldi per stare

dormendo una vita intera

forse.